Piano Aria Integrato Regionale - PAIR 2020 - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

archivio notizie - COMUNE DI SASSO MARCONI (BO)

Piano Aria Integrato Regionale - PAIR 2020

 
Piano Aria Integrato Regionale - PAIR 2020

Le misure antismog dal 1 ottobre 2019 al 31 marzo 2020


Il Piano Aria Integrato Regionale - PAIR 2020 prevede l’attivazione, fino al 31 marzo 2020, di una serie di misure anti-smog che riguardano la circolazione dei veicoli e l’utilizzo di impianti a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico.


LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE
Nei giorni infrasettimanali (lunedì-venerdì, dalle 8.30 alle 18.30) e nelle domeniche ecologiche (di norma la prima domenica di ogni mese), nei centri abitati sono in vigore provvedimenti di limitazione alla circolazione per alcune classi di veicoli. Le limitazioni prevedono il divieto di circolazione per i motori benzina pre-Euro ed Euro 1, per i diesel fino a Euro 3, per i ciclomotori e motocicli pre-Euro. Possono sempre circolare i veicoli elettrici, a metano, gpl e i mezzi con almeno tre persone a bordo.
Questi provvedimenti riguardano la città di Bologna, Imola e 10 Comuni dell'agglomerato di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell'Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena e Zola Predosama non Sasso Marconi. Il Comune di Sasso Marconi, infatti, condivide le finalità del Piano Aria (finalizzato alla riduzione dell’inquinamento atmosferico) ma, in relazione alle particolari caratteristiche della rete viaria che attraversa il territorio comunale, non ha emanato ordinanze di limitazione del traffico.

IMPIANTI RISCALDAMENTO A LEGNA E PELLET
Al di sotto dei 300 m di altitudine e in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, è vietato l’utilizzo di impianti a biomassa legnosa di classe emissiva inferiore a 3 stelle per il riscaldamento domestico (inclusi i caminetti a legna aperti). Sasso Marconi, essendo considerato Comune montano, è in deroga a questo provvedimento.

Su tutto il territorio regionale è inoltre obbligatorio l’uso di pellet certificato, mentre dal 1 gennaio 2020 gli impianti di nuova installazione devono avere una classe emissiva minima di 4 stelle 


MISURE EMERGENZIALI
In caso di ripetuto sforamento dei limiti di PM10, dal giorno che segue il controllo (effettuato il lunedì e il giovedì) fino al successivo giorno di controllo, scattano le misure emergenziali, che prevedono:

* l’estensione del divieto di circolazione ai diesel Euro 4
* il divieto di sosta con motori accesi
* il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione minore di 4 stelle
* l’abbassamento del riscaldamento fino a un max di 19° nelle case e 17° nelle attività produttive e artigianali
* il divieto di combustione all'aperto
* il divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili


INFORMAZIONI
Sul sito internet www.cittametropolitana.bo.it/pianoaria/ è possibile consultare la mappa interattiva del territorio metropolitano interessato dalle limitazioni e tutte le informazioni utili per i cittadini (percorsi consentiti, parcheggi ecc.), si può scoprire se è possibile circolare con il proprio veicolo e ci si può iscrivere al servizio gratuito di alert SMS (o e-mail) per sapere quando scattano e quali sono le misure emergenziali.

Per ogni ulteriore informazione, consultare il sito di ARPAE, l’Agenzia Regionale per sicurezza territoriale e la Protezione Civile.

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (50 valutazioni)